NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Incontinenza urinaria

L'incontinenza urinaria è la perdita involontaria di urina.
Può essere dovuta a molti fattori ed è più frequente nella popolazione femminile.
E' un problema invalidante e crea problemi anche a livello psicologico.
Non dipende dall'età e può essere transitoria.

Esistono diverse forme di incontinenza: da sforzo, da urgenza, una forma mista che comprende le due appena descritte, da superflusso e funzionale.

Vi è infine una forma che colpisce i bambini ed è l' enuresi notturna.

La prima forma è legata a uno sforzo fisico e si verifica quando si ride, si tossisce, si starnutisce  o si sollevano pesi. La causa è  l'indebolimento del pavimento pelvico provocato dalla gravidanza.

La forma da urgenza consiste nell'improvvisa necessità di urinare, con conseguente perdita di urina prima di aver raggiunto il bagno. E' frequente negli anziani e dovuto a indebolimento dello sfintere.

L'incontinenza da superflusso è legata a patologie quali prolasso degli organi interni della pelvi, adenoma o tumore della prostata che causano una pressione anomala sulla vescica.


L'ultimo tipo, quello funzionale,  è connesso a deficit cognitivi o difficoltà motorie che impediscono il normale deambulare del paziente.

Negli uomini l'incontinenza è legata a problemi prostatici, nelle donne alla gravidanza e alla menopausa.

Anche fattori transitori quali la costipazione (stitichezza), le infezioni delle vie urinarie e l'assunzione di alcuni farmaci possono dare problemi di incontinenza.

Il medico curante dovrà valutare caso per caso in base a semplici domande e esami.
La terapia può essere chirurgica, farmacologica o basata sulla rieducazione pelvica.

Nel primo caso si può ricorrere alla chirurgia tradizionale per ricostruire le strutture di sostegno della vescica oppure a tecniche mini-invasive con l'utilizzo di strumenti tecnologicamente avanzati quali le sonde per introdurre materiali di sostegno biocompatibili.

 I farmaci sono ormoni ( in menopausa) o antispasmodici o parasimpaticolitici.

La rieducazione pelvica si basa su tecniche (esercizi fisici o utilizzo di apparecchiature elettriche) atte a rinforzare la muscolatura pelvica e sfinterica per rendere il paziente in grado di ostacolare meccanicamente la fuoriuscita dell'urina.

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

 

 

 Share/Bookmark  
   

FB 2

instagram

privacy informativa