NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Enuresi

Il termine enuresi sta ad indicare la perdita involontaria di urina durante la notte e riguarda il 10% circa dei bambini oltre i sei anni.
Prima di quest'età non si può parlare di enuresi in quanto il bambino spesso non ha ancora raggiunto il controllo degli sfinteri e dell'apparato urinario; dopo i sei anni invece, se il bimbo bagna il letto in modo frequente e ripetuto (2-3 volte in una settimana per periodi prolungati) bisogna rivolgersi al pediatra.


Questo disturbo è sovente accompagnato dallo stimolo frequente ad urinare anche durante il giorno e può essere legato a particolare stress emotivo.
Esistono due forme di enuresi, quella monosintomatica legata alla mancanza di vasopressina, ormone deputato alla regolazione dell'assorbimento notturno di urina, e quella sintomatica che è caratterizzata anche da un'iperattività della vescica con necessità frequente di urinare durante il giorno.


E' molto importante non colpevolizzare il bambino e fargli capire che il suo problema è risolvibile come qualsiasi altro disturbo; gli enuretici infatti tendono a perdere autostima e fiducia nelle proprie capacità.
La terapia è farmacologia e porta alla soluzione definitiva del problema.

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

 Share/Bookmark  
  

FB 2

instagram

privacy informativa