Effetti analgesici e antinfiammatori del magnesio

Magnesio

 

Sapevi che il magnesio ha il potere di alleviare il dolore e aiutarti a ridurre l’infiammazione in tutto il corpo?
La carenza di magnesio è una preoccupazione crescente al giorno d’oggi, poiché i sondaggi sulla dieta mostrano che l’assunzione complessiva di magnesio è inferiore alle quantità raccomandata di 320 milligrammi al giorno per le donne e 420 milligrammi per gli uomini.
Potrebbero esserci significativi benefici per la salute dall’aggiunta di più magnesio nella dieta. Quali? Scopriamoli insieme.


Il magnesio per il sollievo dal dolore
Il magnesio (Mg) è un minerale essenziale e un elettrolita. È vitale per un corpo sano e ben funzionante e contribuisce a produrre energia, funzioni muscolari e nervose, replicazione del DNA, sintesi di RNA e proteine e struttura di ossa e denti.
Il magnesio è un minerale naturale che può fornire un profondo sollievo dal dolore, anche grave, come quello da colica renale, il dolore neuropatico e l’emicrania. Il Mg combatte anche l’infiammazione, che può portare a molteplici malattie dall’artrite, asma, malattie cardiovascolari, diabete, disturbi metabolici e lesioni del nervo spinale alle infezioni della cistifellea e disturbi cerebrali come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

Coliche renali
Uno dei dolori più forti sperimentati dai pazienti è la colica renale dovuta al passaggio di calcoli nei reni. In uno studio clinico randomizzato il solfato di magnesio si è dimostrato efficace quanto la morfina nel ridurre il dolore da calcoli renali senza gli effetti collaterali o le complicazioni della morfina.

Dolore neuropatico
La lesione del midollo spinale ha molte conseguenze gravi e invalidanti, incluso il dolore cronico chiamato dolore neuropatico. Trentadue ratti maschi adulti con una lesione del midollo spinale, trattati con MgSO4 hanno riportato una riduzione significativa del dolore neuropatico in modo dose-dipendente ed una riduzione dei deficit di memoria associati al dolore neuropatico.

Emicrania
L’emicrania è un disturbo molto invalidante che colpisce la qualità della vita dei pazienti a causa del dolore e della frequenza e della durata degli attacchi. In uno studio crossover su 63 pazienti affetti da emicrania, il gruppo di trattamento con ossido di magnesio ha avuto un’efficacia simile nella gestione dell’emicrania – numero medio di attacchi di emicrania, giorni al mese di emicrania lieve o grave e durata media degli attacchi – rispetto al gruppo di controllo che utilizzava valproato sodico per le ultime otto settimane senza effetti avversi significativi come pancreatite, nausea, depressione ed epatotossicità.

Infiammazione
Oltre a quanto visto fin ora, il solfato di magnesio (MgSO) è neuroprotettivo, riduce l’infiammazione nel cervello e può aiutare a prevenire la paralisi cerebrale nei neonati pretermine e ridurre la depressione e la perdita di memoria.

Calcoli biliari e malattie della cistifellea
I calcoli biliari sono cristalli che si formano nella cistifellea e a volte bloccano il flusso della bile dalla cistifellea nel sistema digestivo. Questo blocco porta alla colecistite – infiammazione della cistifellea. Quando i calcoli biliari diventano dolorosi e/o pericolosi, i medici eseguono una colecistectomia laparoscopica per trattare la malattia della cistifellea.
In uno studio su 114 pazienti in attesa di colecistectomia laparoscopica, le persone sono state randomizzate in tre gruppi di trattamento: lidocaina, solfato di magnesio o soluzione salina allo 0,9% somministrata attraverso una flebo, 10 minuti prima della procedura. Solo il gruppo MgSO ha avuto un miglioramento di otto punti nella qualità del recupero, aumentando il comfort fisico e l’indipendenza fisica nei pazienti con colecistectomia, a causa dei potenti effetti anti-infiammatori e di riduzione dello stress del solfato di magnesio.

Infiammazione neurale
L’assunzione di solfato di magnesio – noto anche come sale di Epsom – è neuroprotettiva, riduce il rischio di paralisi cerebrale e disfunzioni motorie maggiori nei nati pre-termine. I livelli di citochine infiammatorie neonatali sono correlati agli esiti neurologici e i ricercatori hanno riscontrato una riduzione dei marcatori infiammatori materni della produzione di fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α) e interleuchina-6 (IL-6) dopo il trattamento in vivo con solfato di magnesio. Il solfato di magnesio è sia benefico che sicuro da usare quando le madri rischiano un parto bambino prematuro e il rischio di paralisi cerebrale è da moderato a grave.

Gli scienziati confermano che una carenza di magnesio ha effetti significativi sui disturbi neurologici, come vasospasmo cerebrale, Alzheimer, Parkinson, ictus, ansia ed emicrania. Il Mg è neuroprotettivo, ha un impatto sulle molecole di segnalazione cellulare e svolge ruoli importanti nel sistema nervoso, muscolare e immunitario.
In uno studio longitudinale su 249 pazienti con malattia di Parkinson diagnosticata e 368 pazienti di controllo senza una malattia neurodegenerativa, una maggiore assunzione di magnesio nella dieta è stata associata a un rischio ridotto di Parkinson.

In una meta-analisi di 21 studi che includevano 1.112 pazienti con Alzheimer e 1.001 controlli sani, i livelli sierici e plasmatici di Mg e i livelli di Mg circolanti erano significativamente ridotti nei pazienti con Alzheimer. La carenza di magnesio è vista come un fattore di rischio per l’Alzheimer e la supplementazione di Mg è raccomandata come trattamento adiuvante per l’Alzheimer.

Infiammazione cronica di basso grado
La carenza di magnesio contribuisce in modo significativo all’infiammazione cronica di basso grado, un fattore di rischio per una varietà di condizioni patologiche come malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete. Il magnesio dovrebbe essere considerato un elemento nutrizionale essenziale per la salute e il benessere.

I risultati di una meta-analisi di 11 studi hanno indicato che l’integrazione di Mg ha ridotto i livelli sierici di proteina C reattiva tra gli individui con infiammazione e ha raccomandato l’integrazione di Mg per gestire l’infiammazione cronica di basso grado.

Malattie infiammatorie
Poiché la carenza di magnesio è collegata all’infiammazione nel corpo, non sorprende che i ricercatori abbiano scoperto che il magnesio svolge un ruolo importante nello sviluppo di malattie infiammatorie tra cui diabete, asma, preeclampsia, aterosclerosi, malattie/danni cardiaci e artrite reumatoide.
La depressione, un’altra malattia infiammatoria, è anche associata a un’infiammazione cronica di basso grado, all’attivazione dell’immunità cellulo-mediata e al sistema riflesso antinfiammatorio compensatorio. In una meta-analisi, una revisione di 11 studi ha mostrato che l’assunzione di Mg nella dieta era significativamente associata a un ridotto rischio di depressione e il dosaggio più efficace era 320 mg al giorno.

In uno studio su 60 pazienti depressi affetti da carenza di magnesio, 500 mg di compresse di ossido di magnesio al giorno per otto settimane o più hanno portato a miglioramenti significativi dello stato depressivo e dei livelli di magnesio.
In una revisione di 14 studi su un totale di 2.313 persone con attacchi di asma acuti che li hanno portati al pronto soccorso, una singola infusione di MgSO4 ha ridotto i ricoveri ospedalieri e migliorato la funzionalità polmonare negli adulti con asma acuto che non hanno risposto sufficientemente all’ossigeno, beta2-agonisti a breve durata d’azione nebulizzati e corticosteroidi.

L’aggiunta di MgSO alla terapia standard in pazienti con attacchi di asma da moderati a gravi in uno studio su 50 pazienti del pronto soccorso ha contribuito a un miglioramento maggiore e più rapido del picco di flusso espiratorio, della frequenza respiratoria, della saturazione di ossigeno e della gravità della mancanza di respiro. MgSO ha anche ridotto i tassi di ospedalizzazione in questa popolazione di pazienti.

In una revisione sistematica di 17 studi con 889 partecipanti, il Mg ha migliorato significativamente due biomarcatori infiammatori: diminuzione della PCR e aumento dei livelli di ossido nitrico.
Inoltre, il Mg ha soppresso lo sviluppo di lesioni aterosclerotiche nell’aorta dei conigli nutriti con colesterolo senza influenzare le concentrazioni plasmatiche di colesterolo totale e lipoproteine ad alta densità. Il Mg funge da mediatore per l’aterosclerosi a causa della sua azione di blocco dell’ingresso del calcio.

Malattie alcol-mediate
Anche le malattie alcol-mediate come l’epatopatia alcolica, la cardiomiopatia alcolica, la gastrite alcolica e l’alcolismo sono accompagnate da infiammazione e compromissione della memoria. Il trattamento con magnesio-l-treonato (MgT) ha dimostrato di alleviare l’infiammazione nell’asse intestino-cervello, rimodellare il microbiota intestinale e migliorare il metabolismo degli aminoacidi e del glutammato, che aiuta a prevenire l’infiammazione e compromissione della memoria indotta dall’abuso di alcol.
In una revisione di 13.504 partecipanti che hanno completato un esame ecografico del fegato per la steatosi epatica, ogni aumento di 100 mg di magnesio è stato associato a una riduzione del 49% del rischio di mortalità dovuto a malattie del fegato e questo effetto è stato il più forte tra i bevitori di alcol e quelli con steatosi epatica.

Disturbi dei nervi periferici
Il magnesio aiuta anche nel trattamento dei disturbi dei nervi periferici. Aumentando le cellule di Schwann, note per aiutare a riparare i nervi periferici e le lesioni del midollo spinale umano, si ritiene che il Mg fermi la morte cellulare critica mediante la soppressione delle risposte infiammatorie.

10 segni di carenza di magnesio
Molto spesso, alla base di sopraggiunti disturbi, potrebbe esserci proprio una carenza di magnesio. Ecco quali sono i sintomi più comuni di carenza di magnesio:
1. Perdita di appetito
2. Nausea
3. Vomito
4. Stanchezza
5. Debolezza
6. Ritmi cardiaci anormali
7. Intorpidimento o formicolio
8. Crampi muscolari
9. Contrazioni o spasmi muscolari
10. Desiderio di caffeina o zucchero.

Molti di questi sintomi possono essere anche segni di altre malattie. È meglio prendere nota dei segni che hai riconosciuto e parlare con il tuo medico, solo per escludere preoccupazioni più serie.

Come integrare la carenza di magnesio
L’aggiunta di magnesio nella tua dieta può curare i sintomi e farti sentire di nuovo bene. Puoi farlo cambiando la tua dieta per includere più cibi ricchi di magnesio, aggiungendo un integratore o una combinazione delle due opzioni.
Il magnesio che si trova naturalmente negli alimenti non è dannoso ma se cerchi un integratore alimentare, dovresti parlarne con il tuo medico. Si raccomanda di non superare i limiti superiori del magnesio a meno che il medico non lo abbia prescritto per gestire una carenza particolare o patologica.

Una cosa da tenere presente quando stai cercando di aggiungere magnesio alla tua dieta, sia organicamente che attraverso integratori, è il tuo consumo di alcol, che agisce come un diuretico del magnesio.
Ciò significa che quando si accoppia il magnesio con l’alcol, l’alcol prende il sopravvento e spinge rapidamente il magnesio, insieme ad altri elettroliti e minerali chiave, fuori dal corpo attraverso l’urina. Hai perso improvvisamente tutti i benefici che speravi di ottenere consumando magnesio aggiuntivo.

Il modo ideale per affrontare la carenza di magnesio è mangiare cibi ricchi di magnesio come verdure a foglia verde, fichi, avocado, banane, lamponi, noci e semi, legumi, broccoli, cavoli, asparagi, fagiolini, pesci grassi come salmone, sgombro e tonno, avena, carciofi, piselli, riso integrale, tofu e finanche cioccolato fondente.

Dr.ssa Monica Viotto

 

 

FB 2

instagram

privacy informativa

Privacy Policy

Privacy Policy