NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il massaggio metamorfico in gravidanza, un aiuto meraviglioso in un momento di transizione e trasformazione

massaggio metamorfico gravidanza

 

Il massaggio metamorfico è una tecnica che agisce sulla persona attraverso la metamorfosi, proprio come la farfalla. Un’esperienza trasformativa che avviene toccando delicatamente i piedi, le mani e la testa, durante un viaggio nel profondo relax.

Il massaggio metamorfico è una tecnica di massaggio che funziona mediante l’attivazione dei punti di riflesso spinale per aiutare a rilasciare i ricordi che sono stati modellati intorno al nostro tempo nell’utero. Durante la gestazione, la spina dorsale dell’embrione è in costante connessione con la parete dell’utero materno, attraverso la quale molti segnali vengono trasmessi alla memoria cellulare del bambino. Segnali che raccontano informazioni sull’ambiente in cui siamo cresciuti, sulle emozioni vissute dalla madre e sulle possibili tensioni attraversate man mano che ci sviluppavamo nel grembo materno. Questa informazione è memorizzata nei riflessi spinali.

Il massaggio metamorfico è anche conosciuto come Tecnica Metamorfica o Terapia Prenatale e Metamorfosi.
È stato creato dal naturopata e riflessologo britannico Robert St. John a metà degli anni ’60, che scoprì l’esistenza di una mappa psicologica umana, riflessa sui piedi, sotto la mappa dei tradizionali punti di riflessologia.
Effettuando ricerche sulle mappe dei punti riflessi dei piedi, ha concluso che in alcune zone, generalmente lungo la parte interna del piede (che corrisponde alla spina dorsale), gli effetti della terapia sono molteplici, di natura fisici, emotivi e psicologici.

A seguito della sua indagine, associò l’area allo Schema Prenatale e notò che dal momento del concepimento, lo zigote (fusione cellula-sperma prodotta) cresceva in direzione longitudinale (cefalo-caudale) e stabiliva così la sua corrispondenza con la colonna vertebrale. In funzione di questa osservazione è stata creata la mappa finale che oggi viene utilizzata nel massaggio metamorfico con sei punti o zone riflesse: preconcepimento, concepimento, post-concepimento, accelerazione, pre-parto e parto.
In seguito Robert St. John aggiunse due nuove mappe, corrispondenti alla stessa area della colonna vertebrale riflessa sulle mani e sulla testa, completando i tre ambiti di tecnica, movimento, azione e pensiero.

Oggi è ampiamente accettato che, durante la gravidanza, gli stati psico- emotivi nonché le influenze esterne che riceve la madre, influenzano e determinano un’ampia gamma di caratteristiche non solo fisiche ma anche a livello psico-emotivo del feto. Queste «influenze» assorbite dal feto, si registrano lungo la spina dorsale e sono fonte di molteplici conflitti psico-emotivi della persona adulta.
Il massaggio metamorfico, mediante delicati passaggi delle dita nelle zone riflesse dei piedi, delle mani e della testa, permette di liberare questi ricordi assorbiti, mettendo in moto l’energia vitale della persona, risvegliando il potere di autoguarigione del corpo e permettendo a questa forza vitale di avviare i cambiamenti necessari per la persona. Allo stesso tempo, ci dà accesso a riconoscere gli schemi mentali ed emotivi obsoleti, al fine di accettarli e trasformarli.

Gli effetti prodotti sono diversi per ogni paziente. A volte sono immediati e mostrano miglioramenti sia fisici che emotivi. In altri casi, si verificano gradualmente e influenzano anche l’ambiente della persona.
Il massaggio metamorfico può essere applicato a tutti, sebbene gli effetti più importanti sono proprio riscontrabili nei bambini e nelle donne in gravidanza, poichè in quest’ultimo caso il massaggio agisce anche sul nascituro bambino. Questo massaggio è particolarmente indicato per persone con disabilità fisiche o mentali nei disturbi dell’iperattività e difficoltà di apprendimento, nei disturbi alimentari, dipendenze, problemi di tensione nervosa e ansia, pazienti convalescenti e malati terminali.

Ogni sessione, che dura tra 60 e 80 minuti, è diversa ed è un’esperienza unica: è importante sapere che in effetti è proprio il paziente a guidare la sessione. A volte è profondamente rilassante, a volte si verificano forti rilasci emotivi.
Il massaggio metamorfico è una straordinaria tecnica di trasformazione personale che aiuta a rilasciare atteggiamenti limitanti o negativi nei confronti della vita.

Dr.ssa Monica Viotto

 

FB 2

instagram

privacy informativa