NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Combattere la caduta dei capelli con la Medicina Complementare

Caduta capelli

 

Da sempre le persone rivolgono particolare cura al proprio aspetto, soprattutto alla salute e alla bellezza dei propri capelli. Sebbene i capelli non svolgano alcuna funzione fisiologica cruciale negli esseri umani moderni, svolgono infatti un ruolo importante nella nostra autostima. Oltre ai farmaci, da secoli vengono utilizzate opzioni terapeutiche complementari, come quelle che si incentrano sull’uso delle piante o dei loro estratti per prevenire la caduta dei capelli e trattare l’alopecia (ad es. Alopecia androgenetica, alopecia areata o alopecia da trazione) in tutto il mondo, specialmente nei paesi dell’Estremo Oriente. I meccanismi d’azione di queste piante sono ancora oggetto di numerosi studi, ma i risultati riportati finora dimostrano che la medicina complementare diventerà sempre più popolare grazie alla delicatezza e all’efficacia dei suoi trattamenti.

Il ruolo di “biglietto da visita” sociale e sessuale dei capelli così come la loro funzione protettiva sono assolutamente innegabili per entrambi i sessi da molti anni. Sebbene la caduta dei capelli non sia una condizione pericolosa per la vita, la prematura perdita di capelli o la caduta improvvisa può causare un grave disagio psicologico ed influenzare negativamente la qualità della vita. Per questo motivo, è importante distinguere con precisione i pazienti con perdita di capelli ordinaria da quelli che hanno invece una perdita di capelli patologica. Una perdita di capelli pari o inferiore a 100 al giorno non deve essere considerata come perdita patologica dei capelli, ma in caso di perdita di capelli superiore a 100 al giorno, va menzionata una condizione patologica.

I più comuni problemi dei capelli

La caduta dei capelli è un problema dermatologico comune che si stima colpisca tra lo 0,2 e il 2% della popolazione mondiale. Ci sono diversi fattori che portano alla caduta dei capelli tra cui il maggiore stress fisico-emotivo, la chemioterapia, la predisposizione genetica, il diidrotestosterone (DHT), l’eccesso di sebo, le malattie cardiovascolari, il fumo e le sostanze endogene. Le comuni malattie dei capelli che i dermatologi devono affrontare nella pratica quotidiana sono l’alopecia androgenetica, l’alopecia areata, il telogen effluvium, l’anagen effluvium e l’alopecia traumatica come la tricotillomania e l’alopecia da trazione.

L’alopecia androgenetica, ossia la calvizie maschile e femminile, è la forma più comune di calvizie negli adulti: circa il 60% dei maschi tra i 30 ei 50 anni e il 17% delle donne sotto i 50 anni ne soffrono. Il ruolo del DHT che viene ridotto dal testosterone dall’enzima 5α- reduttasi è chiaramente noto: nella fase iniziale, il processo inizia con l’accorciamento della fase anagen e la continua miniaturizzazione dei follicoli sensibili. Durante questo processo, i peli terminali vengono sostituiti da peli vellus che sono più corti, più fini e non pigmentati nelle regioni frontali e dei vertici del cuoio capelluto. Anno dopo anno, nel sito di capelli miniaturizzati si verifica la calvizie permanente.

L’Alopecia Areata è una malattia infiammatoria cronica comune caratterizzata da chiazze alopeciche non cicatriziali sul cuoio capelluto. Colpisce circa il 2% della popolazione e, sebbene il meccanismo sia ancora sconosciuto, si ritiene che possa essere collegata ad un evento secondario o un cofattore come una malattia febbrile, una gravidanza o una grave crisi di vita oltre alla predisposizione genetica. Anche se questa forma di alopecia può regredire spontaneamente, la malattia può rimanere stabile o addirittura diffondersi all’intero cuoio capelluto (noto come alopecia totalis) o corpo (noto come alopecia universalis).

Il telogen effluvium è una malattia che si verifica a seguito del passaggio di una porzione di capelli dalla fase anagen alla fase telogen. È caratterizzato da una diffusa caduta dei capelli.

Mentre la tricotillomania è un disturbo del controllo degli impulsi, l’alopecia da trazione è associata al modo di acconciare i capelli. Queste due malattie sono più frequenti nelle donne rispetto agli uomini. Entrambe possono lasciare cicatrici permanenti.

Cos’è la medicina complementare

Negli ultimi anni, la medicina complementare sta diventando sempre più popolare tra i pazienti. I trattamenti disponibili sono comunemente raggruppati in macro-categorie: terapie alternative (ad esempio agopuntura e omeopatia), terapie a base biologica, terapie manipolative e basate sul corpo e terapie mente-corpo.
Allo stesso modo, l’uso della medicina complementare è abbastanza frequente tra i pazienti affetti da disturbi dermatologici come acne, dermatite atopica, psoriasi, dermatofiti, cheratosi attinica, vitiligine, perdita di capelli, melanoma e lupus eritematoso. Circa l’85% dei pazienti con condizioni legate alla pelle, molti dei quali con malattie croniche come l’acne e l’eczema, hanno notato un miglioramento con l’uso dei trattamenti di medicina complementare.

Il trattamento ideale contro la caduta dei capelli dovrebbe concentrarsi sia sull’inibizione della 5α-reduttasi che sulla promozione della crescita dei capelli, insieme. I trattamenti convenzionali più utilizzati sono farmaci particolarmente aggressivi che in alcuni casi comportano effetti collaterali, ecco perché sempre più i pazienti che soffrono di perdita di capelli hanno iniziato a rivolgersi a terapie complementari.

La Medicina complementare per la caduta dei capelli

Fitoterapia

La medicina erboristica è estremamente popolare fin dai tempi antichi. Molte piante e i loro estratti sono stati utilizzati per secoli per prevenire la caduta dei capelli e curare l’alopecia.
Oggi ci sono numerosi studi su piante e preparati a base di piante per confermare la loro efficacia nel trattamento della caduta dei capelli. Le piante con l’effetto più basato sull’evidenza contro l’alopecia sono zenzero rosa e blu, zucca, trifoglio rosso e ginseng rosso cinese. Il meccanismo d’azione ipotizzato è prevalentemente l’inibizione della 5α- reduttasi, con un maggiore supporto nutrizionale e una migliore circolazione sanguigna del cuoio capelluto.

Oli essenziali

Gli oli di sandalo, lavanda, rosmarino e timo sono stati usati per trattare la caduta dei capelli per oltre 100 anni. Si pensa che le loro proprietà, infatti, possano influenzare positivamente la crescita dei capelli. Gli oli essenziali vengono estratti dalle piante attraverso metodi come la distillazione o l’evaporazione. Sebbene siano più famosi per le loro capacità aromatiche, contengono anche forti proprietà chimiche che possono essere benefiche per la salute.

Gli oli essenziali sono stati a lungo utilizzati nelle orientali e omeopatiche grazie alla loro efficacia e al basso rischio di effetti collaterali. Diversi oli possono intervenire positivamente sullo stato di salute dei capelli in molti modi diversi, dall’aiutare la crescita dei capelli ad aggiungere forza e lucentezza.

Omeopatia

L’omeopatia è un’ottima soluzione per i problemi dei capelli, come la caduta dovuta allo stress. L’omeopatia è estremamente efficace nel trattamento della caduta dei capelli e dell’alopecia.
I farmaci omeopatici non solo trattano i sintomi della caduta dei capelli, ma curano anche la causa principale della caduta dei capelli. L’omeopatia regola anche la caduta e il ciclo di crescita dei capelli, aiuta nella ricrescita dei capelli e riduce anche la dipendenza dalle applicazioni topiche. Il primo passo nel metodo di trattamento dei capelli è una diagnosi dettagliata della condizione. Una volta completato, viene tracciato un piano di trattamento personalizzato per la caduta dei capelli che prende in considerazione anche le difficoltà emotive affrontate dai pazienti.

Dr.ssa Monica Viotto

 

FB 2

instagram

privacy informativa