Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere la newsletter di Farmalem

Login utente

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.
Home

Intossicazioni

Se capita un caso di avvelenamento o intossicazione si deve subito telefonare ad un centro antiveleni (CAV) e fornire  indicazioni utili, cioè :

  • specificare se il contatto è avvenuto per bocca, per inalazione, attraverso la pelle o per inoculazione
  • cercare di risalire alla sostanza che ha causato il problema partendo dalla testimonianza di eventuali testimoni, dal nome e dalla composizione presenti sulla confezione,dall'indicazione della pericolosità indicata da eventuali simboli, dai segni lasciati sul paziente o nell'ambiente circostante (ustioni sul viso o intorno alla bocca, macchie, odori)
  • dare, se possibile notizie, sulla dose ingerita
  • cercare di valutare il tempo intercorso tra l'ingestione e la comparsa dei sintomi

In attesa delle indicazioni del CAV o nell'impossibilità di interpellarlo è bene non provocare mai il vomito se è stata ingerita una sostanza caustica (ad esempio la candeggina, i pulitori di WC, il liquido per batterie, i liquidi per sturare i lavandini, l'ammoniaca, i fertilizzanti) che danneggerebbe una seconda volta l'esofago, una sostanza schiumogena che potrebbe penetrare nei polmoni e causare soffocamento, un derivato del petrolio che potrebbe entrare nei polmoni e danneggiarli gravemente.

Il vomito va provocato (stimolando la gola con le dita o un manico di cucchiaio) solo se è stata ingerita una sostanza solida come esche per topi, palline di naftalina, medicinali in capsule, confetti, compresse, semi o bacche.

Inoltre non si devono somministrare liquidi quali olio o latte che a volte peggiorano la situazione accelerando l'assorbimento della sostanza tossica.
L'unico caso in cui è bene far bere olio è quello di ingestione di derivati del petrolio, e l'olio da somministrare è quello di vaselina.

Il latte va bene se sono state ingerite sostanze caustiche.
Ci sono però casi in cui è bene intervenire tempestivamente con lavaggi o altre manovre.
Se, per esempio , una sostanza irritante o tossica è venuta a contatto con gli occhi bisogna effettuare lavaggi con abbondante acqua corrente o fisiologica per almeno 10-15 minuti a palpebre aperte e con getto delicato.

Stessa cosa si deve fare se la sostanza è venuta a contatto con la pelle.

In caso di inalazione si deve allontanare la persona dall'ambiente inquinato e aerare lo stesso.

Se invece la sostanza è stata introdotta per via rettale si deve intervenire con supposte di glicerina per farla evacuare velocemente. Non si deve utilizzare il clistere che potrebbe favorire l'assorbimento della sostanza tossica.

PRODOTTI FARMACEUTICI DA TENERE A PORTATA DI MANO

Per poter seguire i consigli del CAV si devono sempre avere a disposizione dei medicinali atti a risolvere l'avvelenamento o l'intossicazione.

Non devono quindi mancare nella cassetta di pronto soccorso:

  • carbone vegetale attivo
  • dimeticone o simeticone
  • protettore della mucosa gastrica
  • antiacido contenente alluminio
  • olio di vaselina

A volte il CAV consiglia di somministrare il latte alluminato che si prepara miscelando 500 g. di latte con 2 o 3 albumi.

INTOSSICAZIONI DA FARMACI

INTOSSICAZIONI DA SOSTANZE CHIMICHE
DI USO DOMESTICO

INTOSSICAZIONI DA PIANTE E FIORI

INTOSSICAZIONI DA FUNGHI

INTOSSICAZIONI DA ALIMENTI

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

torna all'indice bambini

torna all'indice patologie

 Share/Bookmark  
   


Cellule Staminali

Sorgente

Area Veterinaria

Cerca Libri

Star bene con la Musica

Seguici su...

Seguici su Facebook

Contatore accessi

Numero di accessi al sito:
8423215