Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere la newsletter di Farmalem

Forum Farmacisti

A cura del Presidente di "Tutti i Farmacisti", gruppo Nazionale ed Internazionale su Facebook

 

Iscritti ad oggi:
592

Login utente

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

P.T. Zero

P.T. Zero - Professionisti a tasso zero: clicca qui per visitare il nostro sito web

Home

Enuresi

Il termine enuresi sta ad indicare la perdita involontaria di urina durante la notte e riguarda il 10% circa dei bambini oltre i sei anni.
Prima di quest'età non si può parlare di enuresi in quanto il bambino spesso non ha ancora raggiunto il controllo degli sfinteri e dell'apparato urinario; dopo i sei anni invece, se il bimbo bagna il letto in modo frequente e ripetuto (2-3 volte in una settimana per periodi prolungati) bisogna rivolgersi al pediatra.

Questo disturbo è sovente accompagnato dallo stimolo frequente ad urinare anche durante il giorno e può essere legato a particolare stress emotivo.
Esistono due forme di enuresi, quella monosintomatica legata alla mancanza di vasopressina, ormone deputato alla regolazione dell'assorbimento notturno di urina, e quella sintomatica che è caratterizzata anche da un'iperattività della vescica con necessità frequente di urinare durante il giorno.

E' molto importante non colpevolizzare il bambino e fargli capire che il suo problema è risolvibile come qualsiasi altro disturbo; gli enuretici infatti tendono a perdere autostima e fiducia nelle proprie capacità.
La terapia è farmacologia e porta alla soluzione definitiva del problema.

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

torna all'indice bambini

torna all'indice patologie

 Share/Bookmark  
   

Cellule Staminali

Sorgente

Area Veterinaria

Cerca Libri

Star bene con la Musica

Seguici su...

Seguici su Facebook

Contatore accessi

Numero di accessi al sito:
7810827