Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere la newsletter di Farmalem

Login utente

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.
Home

Insufficienza renale

I reni filtrano un gran numero di sostanze dannose presenti nel sangue, ma se questa funzione si altera  si parla di insufficienza renale che può essere acuta o cronica.

Questa patologia dipende da incapacità dei reni di esplicare la loro funzione escretoria e regolatoria.

Nella forma acuta ciò si verifica improvvisamente e rapidamente (blocco renale), si ha oliguria (riduzione della produzione di urina), valori di emoglobina normali e invariate  dimensioni dei reni; le cause sono gravi infezioni, notevole disidratazione, impiego di particolari farmaci o interventi chirurgici.

Nella forma cronica invece si ha perdita permanente della funzione renale con accumulo graduale delle sostanze dannose nel sangue, che può portare a intossicazione con danni irreversibili nel giro di pochi anni.

La pressione arteriosa è alta, ed inoltre il paziente accusa stanchezza, pallore, e scarso appetito.

Se si verifica in età evolutiva può provocare anche ritardo nella crescita.
E' comunque più frequente negli anziani

La causa solitamente è una malattia , per esempio il diabete, l'ipertensione o la glomerulonefrite, ma anche terapie molto prolungate con farmaci quali i FANS ed alcuni analgesici in associazione possono portare a questa potologia.

L'insufficienza renale cronica richiede trattamenti con specifici farmaci e dieta adeguata.
Nei casi più gravi si deve ricorrere a dialisi e trapianto renale.

La diagnosi si effettua con esami di laboratorio e strumentali (radiografia e d ecografia).

Per quanto riguarda il regime nutrizionale la Società Italiana di Nefrologia (SIN) ha pubblicato le linee guida per la terapia conservativa dell'insufficienza renale cronica:

Proteine 0.7 g/kg/peso ideale (75% ad alto valore biologico)

Glucidi 60% delle calorie (zuccheri complessi, alimenti a basso indice glicemico)

Lipidi 30% delle calorie (rapporto ac.grassi polinsaturi:saturi > 1.2; COL 300-350 mg/die)

Calorie > 35 Kcal/kg peso ideale /die

Potassio Introito libero per VFG > 10 mL/min

 (dal sito http://www.sin-italy.org/ )

E' importante il controllo periodico di un dietista in modo da evitare malnutrizione: infatti il ridotto apporto di proteine dev'essere sempre bilanciato da un maggior introito di carboidrati e lipidi , pur tenendo sempre conto dello stato di salute del paziente.

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

torna all'indice patologie

 Share/Bookmark  
   

Cellule Staminali

Sorgente

Area Veterinaria

Cerca Libri

Star bene con la Musica

Seguici su...

Seguici su Facebook

Contatore accessi

Numero di accessi al sito:
8423183