Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere la newsletter di Farmalem

Login utente

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.
Home

Fibre e assorbimento di calcio nel diabete

     
 

Una dieta ricca di fibre è molto importante nell'ambito di quella alimentazione sana ed equilibrata che anche in questo Gruppo riconosciamo capace di prevenire molte malattie: da alcuni tipi di cancro alle malattie vascolari.

Nei diabetici le fibre alimentari sono ancora più importanti perchè diminuiscono l'assorbimento degli zuccheri semplici con un miglior controllo della glicemia e prevenizione delle gravi complicazioni di questa malattia.

Tuttavia, un recentissimo studio su un piccolo numero di diabetici realizzato presso la Northwestern University del Texas dal dr. Abhimanyu Garg, del Center for Human Nutrition della Southwerstern University, ha mostrato che una DIETA RICCA di FIBRE OSTACOLA l'ASSORBIMENTO del CALCIO.

I 13 partecipanti sono stati divisi in due gruppi che, a parità di ogni altro parametro nutrizionale, assumevano con la dieta l'uno 50 gr. al giorno e l'altro 24 gr. al giorno di fibre.

Dopo 6 settimane i gruppi sono stati scambiati: quello che assumeva 50 gr. di fibre ne assumeva 24 e viceversa, e ciò per ulteriori 6 settimane.

Il risultato è stato che chi assumeva la quantità MAGGIORE di FIBRE presentava un MINOR ASSORBIMENTO di CALCIO.

E' verosimile, inoltre, che anche in persone sane che assumono molte fibre alimentari, per precisa scelta nutrizionale o per semplice abitudine, vi sia un diminuito assorbimento di calcio.

Le conclusioni di questo studio sono le seguenti:

- le fibre sono una componente irrinunciabile della dieta, in particolare dei diabetici;
- il calcio, del resto, è un elemento indispensabile per l'organismo;
- nelle persone che devono assumere molte fibre occorre quindi preferire vegetali ricchi di calcio: verdure a foglia verde (cavoli, broccoli), fagioli, carciofi etc. in modo da contrastarne il minor assorbimento.

Aggiungo che se questi provvedimenti dietetici non sono efficaci una corretta integrazione di calcio diventa assolutamente necessaria.

Ciò si può verificare in varie circostanze in persone ammalate di diabete (ma anche in persone non ammalate) che assumono molte fibre alimentari:

- donne in gravidanza e in fase di allattamento al seno
- bambini e adolescenti in fase di rapido accrescimento corporeo
- persone affette da osteoporosi o fratture ossee 
- anziani con difficoltà di masticazione
- persone con scarsa esposizione alla luce solare (allettati, lungodegenti etc)
- etc. etc.

Appare quindi evidente che, in ogni caso che si può giovare di un maggior apporto di fibre, occorre una valutazione clinica e nutrizionale accurata e personalizzata che permetta di valutare se l'assunzione di calcio con la dieta è sufficiente o se invece è necessaria una adeguata integrazione di questo elemento.

Sottolineo, inoltre, che anche questo studio mostra come la Ricerca Medico-Scientifica apre sempre nuovi scenari clinici e fisiologici in cui l'uso degli Integratori Alimentari Naturali ha una razionale e insostituibile valenza sostitutiva, preventiva e terapeutica. 

Dr. Chianese Raffaele

 

 
   Share/Bookmark  
 

torna a Integratori Alimentari Naturali

 

Cellule Staminali

Sorgente

Area Veterinaria

Cerca Libri

Star bene con la Musica

Seguici su...

Seguici su Facebook

Contatore accessi

Numero di accessi al sito:
9379687